Mobility n° 37

Il trimestrale delle Autoscuole e degli Studi di Consulenza

EDITORIALE - MARZO 2018

 

Cari Colleghi, in questo mo­mento di grande incertezza po­litica – ad oggi non si conosce ancora nulla della formazio­ne del prossimo Governo – ci prendiamo fin d’ora l’impegno e la promessa, di interloquire nei prossimi mesi con qualsiasi forza ed esponente politico, al fine di portare avanti gli interes­si, non solo della categoria ma anche quelli della collettività, legati alla sicurezza stradale e alle semplificazioni nell’ambito degli studi di consulenza e delle scuole nautiche.

Quello che auspichiamo è che anche il nuovo Esecutivo voglia continuare ad ascoltare le nostre proposte, e ad averci come parte in causa nei tre settori dove sia­mo attivi da anni. Le prime pro­poste riguarderanno sicuramen­te: le guide certificate moto, le modifiche da apportare alla gui­da accompagnata, il documento unico di circolazione, lo sportel­lo telematico del diportista, un albo per gli insegnanti istrutto­ri di autoscuola, per avere una sorta di autoregolamentazione, e infine, ma non meno impor­tante, potremmo ricominciare a parlare dell’abolizione della liberalizzazione, (abbiamo dedi­cato all’argomento ampio spazio in questo numero).

A questo proposito, fate un nodo al fazzoletto, perché il prossimo 12 e 13 maggio si terrà il nostro Congresso annuale a Bologna - città che ci ha visto ultimamente impegnati in una serie di corsi di formazione – e vi invito fin d’ora a partecipare, soprattut­to adesso che ci confronteremo con nuovi rappresentanti poli­tici, a cui sarà fondamentale far capire l’importanza del nostro lavoro.

Sarà anche l’occasione per sa­lutare tutti insieme il Direttore Generale della Motorizzazione Maurizio Vitelli, che il 30 marzo è andato in pensione. L’Architet­to Vitelli, per oltre dieci anni, è stato un importante e fine inter­locutore con il quale ci siamo costantemente confrontati, a volte discutendo animatamen­te, a volte con grandi risate, pur rispettando ognuno di noi la posizione che rappresentavamo, quella della pubblica ammini­strazione e quella imprendito­riale.

Ma al di là degli aspetti profes­sionali - quello che ha fatto pro­fessionalmente per la categoria non serve sottolinearlo, forse il suo più grande rammarico è sta­to quello di non riuscire a por­tare a termine la Black Box - in questo Mobility troverete anche l’aspetto umano di Maurizio Vi­telli. E sarà proprio quest’ultimo aspetto che mancherà di più, con i suoi modi di dire coloriti da romano verace che stempera­vano le tensioni, e che alla fine ci facevano arrivare alla giusta quadratura del cerchio facendo coincidere gli interessi collettivi a quelli imprenditoriali.

Gli auguriamo fin d’ora una splendida e meritata pensione, che finalmente possa godere la sua famiglia, come marito, pa­dre e soprattutto nonno, visto che da pochissimo è arrivata la prima nipotina, evento che forse più di ogni cosa forse mitigherà la mancanza del suo lavoro.

Buona vita, Architetto Vitelli da tutti noi di Confarca.

Paolo Colangelo

Presidente CONFARCA

 

 

 

Mobility Online - 36 news

Cerca le Scuole Guida

Scuole Guida

Cerca le Scuole Guida
Cerca gli Studi Consulenza Automobilistica

Studi Consulenza Automobilistica

Cerca gli Studi Consulenza Automobilistica
Scopri le Scuole Nautiche

Scuole Nautiche

Cerca le Scuole Nautiche